Con sanità integrativa rischio privatizzazione della sanità. L'allarme Gimbe

L'espansione incontrollata del cosiddetto "secondo pilastro" rientra tra le determinanti della crisi di sostenibilità del Ssn. Lo evidenzia in una nota Fondazione Gimbe ribadendo quanto confermato nel ° Rapporto GIMBE sulla sostenibilità del Servizio Sanitario Nazionale.
«In un momento di gravissima difficoltà della sanità pubblica - afferma Nino Cartabellotta, Presidente della Fondazione Gimbe - pesantemente segnata dalla carenza e dalla demotivazione del personale, non è accettabile che le agevolazioni fiscali destinate a fondi integrativi e welfare aziendale favoriscano la privatizzazione del Ssn. I dati documentano infatti che siamo di fronte alla progressiva espansione di un servizio sanitario "parallelo" che sottrae denaro pubblico per alimentare anche profitti privati, senza alcuna connotazione di reale "integrazione" rispetto a quanto già offerto dai livelli essenziali di assistenza». Per leggere tutta la notizia CLICCARE QUI

26/06/2019 09:53 am